A cosa serve?

A che cosa serve la Risonanza Magnetica Pulsante per uso domiciliare?

Campi di applicazione

La magnetoterapia di risonanza può essere utilizzata con successo nella prevenzione delle malattie, per il benessere e per applicazioni nell’ambito dello sport.
Dal punto di vista medico è anche una terapia complementare di supporto a ogni altra forma di terapia in corso, diventando talvolta perfino risolutiva, di per se stessa, in alcune patologie (come documentato nel libro del dott. Petrossi).

Controindicazioni

Le uniche controindicazioni ufficiali che generalmente vengono poste, sono:

gravidanza;

portatori di pacemaker con impianti prima del 2002;

gravi forme di epilessia;

Vantaggi

La maggior parte degli utenti con le più disparate e più o meno gravi malattie può ricevere grandi benefici dalla magnetoterapia di risonanza.

Grazie all’attivazione ottimale delle proprie funzioni di difesa, gli esseri viventi sono infatti messi nelle condizioni di sfruttare il massimo della propria energia fisica per affrontare, nel miglior modo possibile, la patologia che li affligge.

Ricerche scientifiche

Esiste ormai un’ingente quantità di lavori scientifici e di dimostrazioni in favore dell’uso di queste apparecchiature nelle più svariate patologie.

Nel 2002 è stato pubblicato un libro tutto italiano che raccoglie bibilografie scientifiche, risultati e terapie.

Sono disponibili i dati bibliografici del libro, che può essere ordinato richiedendo un contatto.

Applicazioni

Nell’uomo la più ricorrente affezione, sulla quale si possono ottenere ottimi risultati utilizzando i campi magnetici di risonanza, è lo stato di stress e la conseguente insonnia.

Le patologie dell’apparato locomotore (ossa muscoli e tendini), sia croniche che traumatiche, rispondono in modo particolarmente sensibile a questo tipo di intervento.

Risultati positivi sono stati anche rilevati nella malattie del sistema cardiocircolatorio e nelle patologie di natura neurologica.

Malattie dermatologiche, ferite ed ustioni trovano nella magnetoterapia di risonanza un più che valido supporto.

Esistono autorevoli riscontri anche nell’ambito di competenza otorinolaringoiatrica, odontostomatologica, ginecologica, chirurgica e urologica.

Recenti studi permettono di affermare che in campo oncologico la magnetoterapia di risonanza può essere usata come terapia di supporto (come documentato nel libro del dott. Petrossi).

Ulteriori informazioni sono a disposizione.

FacebookLinkedInEvernoteGoogle BookmarksGoogle GmailEmailOutlook.comBookmark/FavoritesGoogle+Condividi
Tags: A Cosa Serve, Integrazione bio-magnetica